Temi caldi chiudere

Demi Lovato spiega perché chiamare gli extraterrestri "alieni" è offensivo a ogni livello

Di certo non potremo dire che non è una ragazza originale

"Penso che si debba smettere di chiamarli 'alieni': è un termine dispregiativo che non dovremmo usare per niente. È per questo che mi piace chiamarli E.T.”. Questa l'ultima dichiarazione colorata con cui Demi Lovato, cantante ed ex star di Camp Rock, ha fatto strabuzzare gli occhi ai fan.

Demi non è nuova alla sottile arte delle sentenze shock: durante quello che ha definito "un lungo percorso di guarigione" si è dichiarata prima bisessuale, poi pansessuale e infine, a maggio 2021, "non binaria", cambiando ufficialmente il pronome in 'loro'. A scatenare il percorso di ricerca della propria identità sarebbe stato un episodio di violenza sessuale vissuto durante l'adolescenza - quando era un tutt'uno con i Jonas Brothers - che la canadese ha raccontato nella docuserie autobiografica Dancing with the Devil (2021).

Ma dopo aver ballato con il diavolo, ora Lovato è pronta a scendere in pista con gli Ufo. La loro attenzione ha abbandonato le questioni di genere per incentrarsi sugli extraterrestri, complice la partecipazione della cantante alla serie Unidentified With Demi Lovato - in streaming su Peackock tv - in cui assieme alla sorella maggiore Dallas Lovato e al vecchio amico Matthew Montgomery si cimenta nella caccia agli oggetti volanti.

La dichiarazione viene da un'intervista rilasciata a Pedestrian Tv, in cui ha sottolineato quanto le nostre convinzioni nei confronti delle forme di vita altre sono, a detta loro, sbagliate: "Pensiamo erroneamente che possano farci del male o che possano prendere il controllo del pianeta. Ma se qualcosa lì fuori avesse voluto farci questo, lo avrebbe già fatto”.

E se gli extraterrestri volessero incontrarci, ha detto Demi, sicuramente lo vorrebbero solo in termini pacifici: "Se ci sono delle civiltà consapevoli in altre dimensioni e se possono viaggiare attraverso lo spazio, staranno sicuramente cercando solo interazioni pacifiche".

Lovato aveva già dimostrato un vivo interesse per il mondo Ufo: durante la promozione della serie di cui è attualmente protagonista aveva raccontato di aver avuto un'esperienza aliena nel 2020, durante il loro ventottesimo compleanno, nel deserto californiano del Joshua Tree. In un'intervista rilasciata due settimane fa per il programma Daily Pop ha definito l'incontro strabiliante: "Ho visto una sfera blu a circa 15 metri di distanza - forse meno - fluttuare sopra il terreno a 3 o 4 metri d’altezza. Come se stesse mantenendo le distanze da me".

Un momento bellissimo e incredibile, ha detto, che ha stravolto per sempre il loro modo di vedere il mondo: "Prima di incontrarli hai un sentore, e quando quel sentore è confermato la tua realtà cambia totalmente. Sono sicura che gli alieni vivano davvero fra di noi. Sono esseri molto premurosi e intelligenti che stanno solo cercando di fare il meglio per il nostro pianeta".

In ogni caso, che si creda agli Ufo o meno, chiudiamo con qualche precisazione sulla parola 'alieno': secondo Treccani il termine indica "qualcosa di diverso rispetto a un ambiente, a un contesto sociale e simbolico" e non ha una connotazione negativa o discriminatoria.

Ma dato che Demi Lovato li ha incontrati personalmente, di sicuro saprà meglio di noi come preferiscono farsi chiamare. Se ci dovesse essere occasione, seguiremo il consiglio.

Credits foto principale: Getty Images for Global Citizen

Simili scatti