Temi caldi chiudere

Ballando con le stelle, Milly Carlucci chiede scusa e chiude il caso Montesano

A Ballando con le stelle 2022 Enrico Montesano è fuori e Milly Carlucci fa le scuse a nome della produzione.

A Ballando con le stelle 2022 Enrico Montesano è fuori e Milly Carlucci fa le scuse a nome della produzione. E chiude il caso che ha tenuto banco per una settimana. L’attore 77enne è stato cacciato dal dance show di Raiuno per la ormai famosa maglietta nera col il simbolo della “Decima Mas”. Questo è accaduto subito dopo la punta del 12 novembre perché durante la diretta nessuno (almeno apertamente) si era accorto della t-shirt. Nella settima puntata, in onda sabato 19 novembre, la padrona di casa torna sull’argomento per mettere il punto definitivo. “Non voglio ripercorrere tutta la storia” dice la Carlucci e chiama accanto a lei Alessandra Tripoli, la maestra rimasta ‘orfana’ del suo allievo.

“La Rai ha deciso di sospendere Montesano per un comportamento ritenuto contrario alle regole dell’azienda e ai principi ispiratori del mandato pubblico della televisione” spiega Carlucci. E affiunge: “E noi come programma ci uniformiamo”. In qualità di direttore artistico dello show, Carlucci si dichiara “dispiaciuta” per “non vedere la coppia in pista” e per “l’assenza di Enrico”. Poi aggiunge: “io credo alla sua buona fede”. La Carlucci dice ancora: “Qui c’è il gruppo Rai e il gruppo Ballandi, siamo tutti una grande famiglia, una famiglia di persone per bene. Nessuno qui voleva offendere il pubblico a casa. Se qualcuno si è sentito offeso, vi chiedo scusa”. The show must go on.

Enrico Montesano con una maglietta nera con il simbolo della Decima Mas
Enrico Montesano con una maglietta nera con il simbolo della Decima Mas
La giurata Lucarelli sgancia la bomba

Subito dopo la puntata del 12 novembre, la giurata Selvaggia Lucarelli lancia la bomba via social. “Vedo Montesano fare le prove di ‘Ballando’ con la maglietta della Decima Mas che, se a qualcun sfugge, è una formazione militare che ha combattuto accanto ai nazisti contro i partigiani, nonché simbolo del neofascismo” recita il post della Lucarelli che infiamma il web. Nella serata di domenica 13 novembre arriva il comunicato di Viale Mazzini. “E’ decisione della Rai interrompere la partecipazione di Enrico Montesano alla trasmissione del sabato sera Ballando con le stelle” recita la nota con l’aggiunta delle scuse ai telespettatori.

La settimana di Enrico Montesano

Montesano, però, non ci sta. Via social, giorno dopo giorno, racconta la sua versione. Inizialmente, dicendosi rammaricato per l’accaduto, spiega di essere “un collezionista di maglie, ho quella di Mao, dell’Urss, ma non per questo ne condivido il pensiero” e sottolinea che non aveva alcuna “intenzione di promuovere messaggi politici o apologia di fascismo da cui sono profondamente distante”.

Una volta saputo dell’allontanamento, il comico, sui social dichiara “l’assoluta buona fede” e ricorda “di essere stato un parlamentare di sinistra, in linea con la mia fede politica che non può essere certo accostata a quella fascista”. E poi spiega che tutti sapevano della sua maglietta incriminata. “La maglietta da me indossata è stata vista dai rappresentati della Rai sia durante le mie prove della prestazione artistica sia durante la registrazione della stessa, senza alcuna obiezione” recita il post di Montesano che prosegue: “il materiale montato e messo poi in onda è stato ulteriormente esaminato dai rappresentati della Rai che non hanno minimamente dubitato della regolarità e della liceità delle immagini”. Il comico fa sapere di avere dato mandato all’avvocato Giorgio Assumma, insieme all’agente Settimio Colangelo, “di esaminare la situazione per tutelare al meglio la mia identità personale e la mia onorabilità”.

A metà settimana fa sapere di aver richiesto “formalmente al presidente dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, di ricevermi affinché io possa rammentare il mio passato di uomo legato al rigoroso rispetto dei valori della libertà e della democrazia”. Sul caso, infatti, subito dopo il post ‘bomba’ della Lucarelli, era intervenuta proprio l’Anpi perché quella maglietta è una “vergogna che offende le vittime della criminalità nazifascista e la Resistenza, radice della Repubblica”.

Nella giornata di mercoledì 16 novembre arriva anche la posizione di Alessandra Tripoli, l’insegnante di ballo del comico. “La maglietta ‘incriminata’? Sono nipote di un comunista, mio nonno mi ha raccontato tanto della Resistenza, ma devo ammettere che non avevo mai sentito parlare della Decima Mas su cui in questi giorni, invece, mi sono fatta una cultura” dice Tripoli all’Ansa. E precisa: “Alle prove sudiamo tanto, ci cambiamo spesso anche per evitare sbalzi di temperatura e malanni. Se anche mi fossi concentrata, non avrei riconosciuto quel simbolo”.

Enrico Montesano con la meastra Alessandra Tripoli durante l'esibizione di Enrico Montesano con la meastra Alessandra Tripoli durante l'esibizione di
Enrico Montesano con la meastra Alessandra Tripoli durante l’esibizione di “Ballando” di sabato 12 novembre (Instagram)

Giovedì 17 novembre è lo stesso Montesano a parlare all’Ansa. “Avrei voluto spiegare le mie ragioni, ma dalla Rai non mi ha chiamato, nessuno. Ho ricevuto soltanto dalla Ballandi (la società di produzione del programma, ndr) la comunicazione del mio esonero con effetto immediato. E’ stato montato un polverone in maniera affrettata, con una forzatura interpretativa ingiusta e ingiustificata” sottolinea l’attore. L’accusa, insiste, “è infamante, mi offende profondamente: avevo un nonno tipografo all’Unità, sono stato eletto nelle file della sinistra, per vent’anni mi sono dedicato alle battaglie per il popolo e per la giustizia. Oggi la distinzione tra destra e sinistra è obsoleta: il mondo si divide tra coloro che stanno sotto, la popolazione mondiale, che è succube, e chi sta sopra, cioè quelli che governano. Io faccio parte di chi sta sotto”. Quanto al saluto romano emerso – secondo fonti Rai – nelle registrazioni delle prove, “era un movimento coreografico, e siccome scherzo sempre, ho detto alla mia partner, Alessandra Tripoli: meglio il pugno chiuso”. L’ex concorrente si sente avvilito, rammaricato. “Ero perplesso all’idea di partecipare – racconta ancora all’Ansa -: Milly mi ha convinto ha portare in scena anche la cultura, il teatro. Nei numeri di ballo abbiamo citato Saba, Nietzsche, Oscar Wilde e il pubblico ha gradito. Sono una persona che tende a unire, a riappacificare. E invece sono stato trattato peggio di un mafioso”.

Simili scatti
Archivio notizie
  • Fantasanremo
    Fantasanremo
    FantaSanremo 2023: tutti i bonus e i malus di stile (compreso il ...
    3 giorno indietro
    2
  • Playlist Salmo
    Playlist Salmo
    Salmo, svelati a sua insaputa i 5 featuring misteriosi di 'Playlist': c'è ...
    7 Nov 2018
    1
  • Patrizia Reggiani
    Patrizia Reggiani
    La vera storia di Alessandra e Allegra Gucci, le figlie di Patrizia Reggiani: età e cosa fanno oggi
    8 Gen 2022
    4
  • Gomorra 5
    Gomorra 5
    Gomorra - Stagione finale, gli ultimi due episodi ora in onda su Sky Atlantic e NOW
    18 Dic 2021
    7
Scatti più popolari di questa settimana