Temi caldi chiudere

Diretta F1 / GP Gran Bretagna 2022, Gara: SC, Leclerc dovrà difendersi con le dure

La cronaca live della gara di Silverstone, decima tappa del Mondiale 2022 di Formula 1

[F1] – Buon pomeriggio cari lettori di FormulaPassion.it e bentrovati con l’appuntamento dedicato alla diretta testuale del Gran Premio di Gran Bretagna 2022, decima tappa del campionato mondiale di Formula 1.

Sessione in corso

Giro 46/52 – Perez passa Leclerc, è battaglia senza quartiere con Leclerc che ripassa Hamilton dopo aver momentaneamente perso la terza posizione.

Giro 45/52 – Giro veloce per Sainz che vola versa la prima vittoria in carriera. Leclerc resiste su Perez e Hamilton.

Giro 44/52 – Questa la top-10: Sainz, Leclerc, Perez, Hamilton, Alonso, Norris, Verstappen, Vettel, Schumacher e Magnussen.

Giro 43/52 – Sainz passa Leclerc in uscita dal Loop, Perez passa Hamilton e ora attacca Leclerc.

Ripartiti

Giro 42/52 – Sarà ovviamente decisivo per Leclerc difendere la testa della corsa, a Sainz è stato chiesto di lasciare 10 macchine di spazio e Leclerc, ma Sainz ha risposto “per favore non fatemi questo”.

Giro 42/52 – La SC rientrerà al termine di questo giro. Il problema precedente di Sainz era di consumi, quindi ora anche per effetto di questa neutralizzazione non avrà problemi a giungere fino alla bandiera a scacchi.

Giro 41/52 – Ricapitoliamo la classifica con le gomme con le quali sono equipaggiate le vetture: Leclerc (H), Sainz (S), Hamilton (S), Perez, (S), Alonso (S), Norris (S), Vettel (M), Magnussen (M), Verstappen (S), Schumacher (S), Latifi, (S), Stroll (M), Ricciardo (S) e Tsunoda (S).

Giro 40/52 – Leclerc non ha potuto fermarsi, perché avendo raggiunto la Safety Car avrebbe perso la posizione. Dunque, proseguirà, e alla ripartenza dovrà difendersi con alle spalle Sainz, Hamilton e Perez equipaggiati da gomme soft.

Giro 40/52 – Anche Perez si ferma, monta gomma soft e rientra davanti a Norris. Quindi la ripartenza vedrà Perez perfettamente in lizza per la vittoria.

Giro 40/52 – Si fermano ai box Sainz e Hamilton. Gomma soft per Sainz, gomma soft anche per Hamilton.

Safety Car

Giro 39/52 – Altro giro veloce per Hamilton in fotocopia con Leclerc. Problemi per Ocon, che rischia di fermarsi in pista.

Giro 38/52 – Ora Hamilton toglie il giro veloce a Leclerc.

Giro 37/52 – Altro giro veloce per Leclerc, Sainz potrebbe avere un problema secondo quanto segnalato via radio, il pilota spagnolo è ora a tre secondi da Leclerc. Ocon passa Verstappen alla Stowe, il pilota Red Bull scende in nona posizione e Mick Schumacher deve recuperare solo due secondi nei confronti di Max.

Giro 36/52 – Giro veloce di Leclerc, che va per il bottino pieno. Verstappen sta cercando di difendere la posizione su Ocon, è la lotta per l’ottava posizione.

Giro 35/52 – Sosta ai box anche per Norris, che è quinto. Questa la top-10: Leclerc, Sainz, Hamilton, Perez, Norris, Alonso, Vettel, Verstappen, Ocon e Schumacher.

Giro 35/52 – Leclerc è leader della corsa, Sainz chiede il DRS a Leclerc qualora Hamilton riuscisse a tornare negli scarichi delle F1-75.

Giro 34/52 – Entra ai box Hamilton. Gomma dura dopo un pit-stop non velocissimo, è terzo dietro alle Ferrari.

Giro 33/52 – Continua imperterrito Hamilton con il suo treno di gomme medie. Poi Leclerc, Sainz, Norris, Alonso, Perez, Vettel, Verstappen, Ocon e Schumacher che è entrato in zona punti dopo la sosta ai box di Latifi.

Giro 32/52 – Ora Hamilton difficilmente manterrà la posizione su Leclerc, ma avrà una gomma decisamente migliore. E potrebbe giocarsi la carta gomma soft.

Giro 31/52 – Arriva lo scambio di posizioni in casa Ferrari, Sainz sul rettilineo verso Brooklands lascia strada a Leclerc.

Giro 31/52 – I piloti della Ferrari sono ingaggiati, Leclerc ora attaccherà Sainz.

Giro 30/52 – A Sainz viene chiesto di scendere a 32″2, altrimenti ci sarà lo scambio in casa Ferrari.

Giro 29/52 – A Leclerc è stato dato l’ok per lottare e provare a superare Sainz.

Giro 29/52 – Il momento della gara è decisivo: Hamilton con la gomma media sta cercando l’overcut sulle Ferrari, Leclerc deve assolutamente superare Sainz per evitare la grande beffa, ovvero perdere la gara in favore di Hamilton.

Giro 28/52 – Leclerc è velocissimo e sta per entrare in zona DRS su Sainz. Verstappen si lamenta di non avere non solo più il posteriore, ma ora anche l’anteriore. Giro veloce per Leclerc.

Giro 27/52 – Hamilton continua con le gomme medie, perché dice di sentirle in ottima forma. Verstappen si lamenta della gomma dura “sto guidando sul ghiaccio”. Questa la top-10: Hamilton, Sainz, Leclerc, Norris, Alonso, Perez, Vettel, Verstappen, Latifi e Ocon. Resiste il canadese della Williams in zona punti.

Giro 26/52 – Sosta ai box per Leclerc, in Ferrari non cambiano l’ala. Sainz rientra in pista davanti a Leclerc, ma il monegasco ha la gomma fresca.

Giro 25/52 – Verstappen con questa gomma segnala di non avere grip. Ovviamente questa è una domenica in cui anche solo un punto è importante per il campione del mondo in carica.

Giro 24/52 – Altra sosta per Verstappen, che monta la gomma dura per arrivare fino alla bandiera a scacchi. L’olandese lascia sfilare Vettel ed è ottavo.

Giro 23/52 – Sosta ai box per Ocon, che monta la gomma dura, questa la top-10: Leclerc, Hamilton, Sainz, Norris, Alonso, Verstappen, Perez, Vettel, Latifi e Ocon.

Giro 22/52 – Prosegue Leclerc, con Sainz che ovviamente con gomma nuova sta riprendendo virtualmente la leadership della corsa. Hamilton sigla di nuovo il giro veloce, è a due secondi da Leclerc.

Giro 21/52 – Ritiro per Bottas, domenica da dimenticare per l’Alfa Romeo. Leclerc continua, con Hamilton che continua a guadagnare sul monegasco che, lo ricordiamo, ha l’ala anteriore danneggiata.

Giro 21/52 – Gomma dura per Sainz, che torna in pista terzo dietro a Leclerc e a Hamilton.

Giro 21/52 – Si ferma ai box Sainz, ha la finestra su Norris, quarto, per rientrare terzo.

Giro 20/52 – Hamilton è a tre secondi da Leclerc.

Giro 19/52 – Questa la top-10: Sainz, Leclerc, Hamilton, Norris, Alonso, Verstappen, Ocon, Latifi, Bottas e Ricciardo. Verstappen sta soffrendo, è più lento di Alonso.

Giro 18/52 – Sainz deve alzare il ritmo da segnalazione del muretto, se Sainz non si porterà sul ritmo di Hamilton allora Leclerc potrà attaccare.

Giro 17/52 – Il muretto Ferrari non dà ordini di scuderia e ha detto a Leclerc di risparmiare le gomme.

Giro 16/52 – Verstappen perde più di un secondo al giro nonostante la gomma nuova. Leclerc continua a chiedere la posizione, perché dice che sta rovinando la sua gara negli scarichi di Sainz.

Giro 15/52 – “Sto perdendo la macchina ovunque”, dice Verstappen, ma ovviamente via radio la Red Bull segnala solo che l’olandese deve cercare di fare il massimo. Intanto Leclerc insidia Sainz e ha chiesto la posizione via radio. Hamilton è a cinque secondi e sigla ancora una volta il giro veloce.

Giro 15/52 – Verstappen potrà continuare per limitare i danni, non ha pieno carico dopo la rottura del fondo.

Giro 14/52 – Verstappen segnala un problema al posteriore della vettura nonostante il cambio gomme, la RB18 #1 “è rotta al 100%” secondo quanto dichiarato via radio dall’olandese.

Giro 13/52 – Altro set di gomme medie per Verstappen, ora la classifica vede Sainz davanti a Leclerc, Hamilton, Norris, e Verstappen.

Giro 12/52 – Foratura per Verstappen, che rientra ai box.

Giro 11/52 – Nelle retrovie si segnala intanto un suicidio AlphaTauri, con testacoda sia di Tsunoda che di Gasly alla Village. Per il secondo giro consecutivo Hamilton è il più veloce in pista.

Giro 11/52 – Verstappen ora ha pista libera davanti a sé, poi Sainz, Leclerc, Hamilton, Norris, Alonso, Ocon, Latifi, Bottas e Ricciardo.

Giro 10/52 – Errore di Sainz nel tratto Maggotts-Becketts, passa Verstappen ed è leader.

Giro 10/52 – Anche con il DRS Verstappen non ha ancora potuto affondare il colpo su Sainz.

Giro 9/52 – “È un po’ più veloce”, la comunicazione radio di Sainz riguardo a Verstappen.

Giro 9/52 – Ora Verstappen è entrato in zona DRS su Sainz.

Giro 8/52 – Al via Sainz ha stretto molto Verstappen verso il muro, poi alla Brooklands Verstappen ha chiuso a sua volta Leclerc verso la Luffield.

Giro 7/52 – Questa la top-10: Sainz, Verstappen, Leclerc, Hamilton, Norris, Alonso, Gasly, Tsunoda, Ocon e Latifi.

Giro 6/52 – Gomma media per Perez, che ovviamente è in fondo al gruppo. Hamilton passa Norris alla Brooklands ed è quarto.

Giro 6/52 – “Perdiamo 5 punti di carico aerodinamico”, la segnalazione via radio a Leclerc per il danno all’ala anteriore. Troppi danni per Perez, che rientra ai box.

Giro 5/52 – DRS a disposizione dei piloti, ma i primi tre – Sainz, Verstappen, Leclerc – non sono in zona DRS.

Giro 4/52 – Questa la top-10: Sainz, Verstappen, Leclerc, Perez, Norris, Hamilton, Gasly, Alonso, Tsunoda e Ocon.

Giro 3/52 – Sainz si è difeso egregiamente su Verstappen, poi Leclerc e Perez, ma questi ultimi due hanno l’ala anteriore un po’ danneggiata in seguito ad un contatto al Loop dove Leclerc è entrato all’interno con grande aggressività per riprendersi la posizione persa allo scatto.

Partiti

17.00 – Schieramento completo, tra poco ripartirà – con partenza da fermi – il Gran Premio di Gran Bretagna.

16.56 –  La Safety Car guida il gruppo, Verstappen si è allineato agli avversari montando la gomma media.

16.55 – I piloti stanno per lasciare la pit-lane per riguadagnare la griglia di partenza.

16.54 – Alla luce del k.o. del roll bar – lo ribadiamo, fatto estremamente grave – l’Halo è stato ancora una volta più che fondamentale nel preservare l’integrità di Zhou.

16.52 – Alcune immagini mostrano l’Alfa Romeo di Zhou con il roll bar letteralmente divelto. Un bel problema, il roll bar non deve mai rompersi.

16.51 – Qui invece la nostra prima ricostruzione relativa all’invasione di pista dei manifestanti nel corso del primo giro. La bandiera rossa ha evitato guai peggiori.

16.50 – Fervono i preparativi sulla griglia di partenza in vista del restart.

16.45 – È ufficiale, si riparte alle 16.56.

Giro 2/52 – Zhou è cosciente e non ha fratture. La partenza sarà da fermo con un giro di formazione, il Gran Premio di Gran Bretagna ripartirà da zero.

Giro 2/52 – Vedremo anche se i piloti cambieranno la mescola con la quale partire rispetto alla prima partenza.

Giro 2/52 – Siamo in attesa di comunicazioni ufficiali relative all’orario di ripartenza.

Giro 2/52 – I manifestanti entrati in pista, intanto, sono stati presi in consegna dalle forze dell’ordine.

Giro 2/52 – La partenza sostanzialmente è stata annullata dato che la bandiera rossa è stata esposta durante il primo giro. La griglia di partenza sarà identica a quella determinata dalle Qualifiche. Sainz recupera la pole position, Hamilton vede vanificata la partenza a razzo di prima e sarà quinto.

Giro 2/52 – Qui il nostro approfondimento su quanto avvenuto al via.

Giro 2/52 – “Zhou sta bene”, la comunicazione radio ad indirizzo di Bottas. Un messaggio mandato in onda anche su tutto il circuito per la gioia del pubblico.

Giro 2/52 – Dai replay si nota che l’Alfa Romeo di Zhou ha scavalcato le gomme finendo contro le reti di protezione. Dinamica molto pericolosa. Correggiamo quanto scritto in precedenza: è l’AlphaTauri di Gasly che ha provato ad infilarsi tra Zhou e Russell. Poi, nella confusione che si è generata a centro-gruppo, Vettel ha colpito Albon mandandolo a muro, Albon è tornato in pista dopo il contatto con la barriera e per tutti quelli che accorrevano è stato quasi impossibile salvarsi. Tsunoda e Ocon hanno riportato danni senza poter evitare le collisioni.

Giro 2/52 – Ovviamente adesso i piloti potranno cambiare le gomme e dunque Verstappen, ora leader, potrebbe allinearsi agli avversari con gomma media. Però, poi, il Direttore di Gara potrebbe di nuovo far partire la corsa con partenza da fermi.

Giro 2/52 – Arrivano notizie ufficiali: Albon e Zhou sono al centro medico, ma entrambi sono coscienti.

Giro 2/52 – La corsa potrebbe riprendere tra una ventina di minuti. Una buona notizia circa lo stato di salute di Guan Yu Zhou. Ricordiamo che già in F2 stamattina l’Halo è stato fondamentale per proteggere Roy Nissany in occasione dell’incidente con Dennis Hauger.

Giro 2/52 – Gara finita per Zhou, Albon e Russell, che ha cercato in tutti i modi di convincere il delegato FIA Jo Bauer che si fosse fermato per ragioni di sicurezza – andare a soccorrere Zhou – e che quindi potenzialmente avrebbe potuto continuare verso la pit-lane. I meccanici Alpine sono al lavoro febbrilmente sulla vettura di Esteban Ocon.

Giro 2/52 – Intanto dagli on board è stato possibile notare effettivamente la presenza di manifestanti sull’erba ai lati del rettilineo Wellington verso Curva-6, la Brooklands.

Giro 2/52 – Zhou è stato tirato fuori dall’auto ed in barella diretto verso il centro medico come avevamo detto, ma quello che fino a poco tempo fa sembrava uno scampato pericolo in realtà vede il pilota Alfa Romeo in barella.

Giro 2/52 – Ora che la notizia più importante, ovvero quella riguardante la salute di Zhou, è arrivata, ricapitoliamo la top-10: Verstappen, Sainz, Hamilton, Leclerc, Alonso, Perez, Norris, Latifi, Bottas e Ricciardo.

Giro 2/52 – Arriva la notizia che aspettavamo: Zhou sta bene, è diretto al centro medico per prassi, ma sta bene.

Giro 2/52 – I commissari non prenderanno provvedimenti sull’incidente, archiviato dunque come un incidente di gara.

Giro 2/52 – Possiamo ricostruire la dinamica: Tsunoda si è infilato tra Russell e Zhou, questo contatto ha fatto perdere il controllo a Russell della vettura che ha colpito Zhou, il quale prima della Abbey per effetto di questo contatto tra ruote ad alta velocità si è cappottato entrando nella sabbia della via di fuga ad alta velocità con la monoposto ribaltata.

Giro 2/52 – I piloti sono rientrati in pit-lane e sono scesi dalle vetture. L’attenzione è tutta rivolta su Zhou, ma dal comportamento di Russell sembra che il pilota Alfa Romeo stia bene. Intanto Leclerc e Vettel hanno segnalato nel corso del primo giro il fatto che ci fossero dei manifestanti in pista, le proteste erano state annunciate già venerdì.

Giro 1/52 – Russell è uscito dalla vettura e ha corso sulla ghiaia per raggiungere la vettura di Zhou, decisamente preoccupato.

Giro 1/52 – C’è apprensione per Guan Yu Zhou, la cui vettura si è cappottata, probabilmente decollando sulla Mercedes di George Russell. Anche Yuki Tsunoda ha danni ingenti, anteriore destra aperta invece per Esteban Ocon.

Giro 1/52 – Verstappen parte bene ed è leader, ma viene esposta una bandiera rossa per un incidente al via che ha coinvolto Russell, Ocon e Guan Yu Zhou.

Partiti

16.02 – Si sta ricomponendo lo schieramento al via. Tra pochi istanti scatterà il Gran Premio di Gran Bretagna.

16.00 – I piloti lasciano la griglia di partenza per effettuare il giro di formazione.

15.57 – Andrà all’attacco Max Verstappen. Il pilota Red Bull ha scelto la mescola soft per partire, come Latifi, Albon, Magnussen e Vettel. Gomma dura per Russell, tutti gli altri piloti, ferraristi compresi, partono con la mescola media.

15.56 – A livello meteo non dovrebbero esserci sorprese a livello di pioggia nell’arco della gara. In griglia Adrian Newey ha dato la solita occhiata alla Ferrari, stavolta concentrandosi sul retrotreno.

15.55 – 17°C la temperatura dell’aria, 27°C quella dell’asfalto.

15.50 – Tra poco scopriremo la scelta delle gomme da parte dei piloti per effettuare il primo stint di gara.

15.48 – “Ciò che conta è che non vinca Verstappen, poi se Leclerc riesce a stargli davanti tanto di guadagnato”, ha concluso il team principal della Ferrari.

15.46 – Il team principal della Ferrari Mattia Binotto ha spiegato ai microfoni di Sky Sport F1 perché si è lavorato sulla vettura di Leclerc: “Nessun problema, solo una centralina da fissare”.

15.45 – Si continua a lavorare sulla vettura di Charles Leclerc.

15.41 -Ha parlato prima della gara anche Nigel Mansell. Il campione 1992 si è tenuto ‘largo’ sul pronostico: “Vincerà uno di quei quattro” ha dichiarato, riferendosi ai piloti di Red Bull e Ferrari.

15.40 – Ora si stanno riducendo le probabilità di pioggia. La perturbazione che sta interessando la zona sembra destinata a schivare il tracciato. La chanche di scrosci in gara è scesa al 20%.

15.38 – Attenzione: meccanici Ferrari al lavoro sulla vettura di Leclerc. Si sta agendo sul cofano motore.

15.35 – In ottica gara la grande sfida dovrebbe essere, ancora una volta, tra Ferrari e Red Bull. Le monoposto che hanno dominato questa prima parte di stagione occupano le prime quattro posizioni in griglia.

15.30 – Scendono in pista anche le Ferrari.

15.25 – Aumentano le nubi sopra il circuito. E la temperatura dell’aria si sta abbassando. Verstappen è stato il primo pilota ad entrare in pista per andare a completare i giri di installazione. Dietro di lui Mick Schumacher.

15.20 – Iniziano ad entrare in macchina i piloti della Ferrari. A breve le monoposto dovrebbero iniziare a scendere sul tracciato. Pista attualmente in condizioni da gomme slick.

15.15 – Passo-gara, strategie e non solo: qui tutto quello che c’è da sapere per arrivare preparati allo spegnimento delle cinque luci rosse, previsto per le ore 16. Capitolo meteo: ora oscillano attorno al 40% le probabilità di pioggia durante la gara, addirittura il 60% per il momento del via. Al momento è iniziata a cadere qualche lieve goccia.

15.10 – Continuano ad aumentare le nuvole attorno al circuito di Silverstone. Cresce il rischio di uno scroscio d’acqua prima del via. 19°C la temperatura dell’aria, 30°C l’asfalto.

15.00 – L’Aston Martin ha svelato adesso il casco speciale che sarà utilizzato da Sebastian Vettel: si tratta di una livera caratterizzata dai disegni realizzati dai suoi figli.

So much love. ????

Seb will race the #BritishGP with a special birthday helmet designed by his children as a surprise from his family. #HappyBirthdaySeb pic.twitter.com/iwCxJt95RR

— Aston Martin Aramco Cognizant F1 Team (@AstonMartinF1) July 3, 2022

14.55 – Drivers parade in corso, ovviamente applausometro alle stelle per il trio di piloti britannici: Lando Norris, George Russell e – naturalmente – Lewis Hamilton.

14.50 – Occhi puntati sul cielo al momento, per l’incognita maltempo: ci sono stati dei lievi scrosci a nord del circuito, ma per il momento il tracciato non è stato toccato dall’acqua. La probabilità di pioggia prima del via continua ad oscillare attorno al 60%.

14.40 – Il primo pomeriggio inglese è stato ravvivato soprattutto da Sebastian Vettel. Il quattro volte campione del mondo, infatti, ha regalato spettacolo in pista al volante della Williams FW14B, portata alla conquista del titolo iridato nel 1992 da Nigel Mansell. La vera novità però è stata il carburante carbon-neutral utilizzato dal portacolori dell’Aston Martin.

SEB x 1992 WILLIAMS ????????

All with carbon-neutral fuel too! ????#BritishGP #F1 pic.twitter.com/ZkL5J7O9wH

— Formula 1 (@F1) July 3, 2022

14.30 – Buongiorno cari amici di FormulaPassion.it. Grande attesa a Silverstone per la gara di oggi, che scatterà tra un’ora e mezza. Riavvolgiamo il nastro ripartendo dalle qualifiche di ieri, che hanno determinato questa griglia di partenza.

FP | A cura della Redazione

RIPRODUZIONE RISERVATA

Simili scatti
Scatti più popolari di questa settimana