Temi caldi chiudere

Ucraina: Il sesto giorno di guerra, paracadutisti russi a Kharkiv - Mondo

LA DIRETTA DELLA GIORNATA - L'esercito russo aveva invitato tutti i cittadini che abitano vicino a ripetitori a lasciare le case. L'ambasciata ucraina presso la Santa Sede riferisce che, secondo l'intelligence, le truppe russe stanno preparando un attacco

Truppe aviotrasportate russe sono atterrate a Kharkiv. Lo rende noto l'esercito ucraino, secondo cui un ospedale della città è stato attaccato dai paracadutisti. "Le truppe aviotrasportate sono atterrate a Kharkiv nella notte e hanno attaccato un ospedale" locale, ha spiegato l'esercito di Kiev. "Al momento - continua la nota - si registrano scontri tra gli invasori e gli ucraini".

Oggi il secondo round di colloqui per cercare la tregua in Ucraina. L'agenzia russa Tass riporta che l'incontro dovrebbe tenersi in territorio bielorusso, nell'area occidentale di Bialowieza Forest. 

Le forze armate russe hanno colpito la Torre della Tv di Kiev. Il raid russo ha provocato almeno 5 vittime. Lo riferiscono le autorità ucraine. L'esercito russo poche ore prima aveva invitato tutti i cittadini della regione di Kiev che abitano vicino a ripetitori di telecomunicazioni a lasciare le loro case. E "secondo l'intelligence le truppe russe stanno preparando un attacco aereo sulla Cattedrale di Santa Sofia a Kiev, patrimonio dell'Unesco", riferisce l'ambasciata ucraina presso la Santa Sede.

"Al mondo: che senso ha dire "mai più" per 80 anni, se il mondo tace quando una bomba cade sullo stesso sito di Babyn Yar? Almeno 5 uccisi. Storia che si ripete...". Così su twitter il presidente ucraino Zelesky rende noto un attacco russo contro un monumento nei pressi del memoriale di Babi Yar che ricorda lo sterminio di 30mila ebrei avvenuto durante la seconda guerra mondiale da parte dei nazisti.

Zelensky ha quindi chiesto a Joe Biden di dare un messaggio "forte e utile" sull'invasione dell'Ucraina da parte della Russia nel discorso sullo Stato dell'Unione che terrà questa sera. In un'intervista esclusiva a Cnn e Reuters, dal bunker in cui è nascosto a Kiev, il leader ucraino, ex attore, ha detto: "E' una situazione molto seria, non siamo in un film". "Io non sono una figura iconica, l'Ucraina lo è", ha aggiunto Zelensky, sottolineando "il mondo non può perdere qualcosa di così speciale".

Mentre un convoglio russo di blindati di più di 60 chilometri marcia su Kiev, un reparto maternità vicino la capitale finisce nel mirino e in pieno centro a Kharkiv viene colpito dai razzi russi il palazzo del governo regionale e si contano almeno 10 morti, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky accusa la Russia di 'crimini di guerra' e si appella all'Europa in un drammatico videointervento alla plenaria straordinaria del Parlamento europeo. "Vorrei sentire da parte vostra che la scelta dell'Ucraina verso l'Europa venga incoraggiata. Vogliamo essere membri a pari diritti dell'Ue. Stiamo dimostrando a tutti che questo è quello che siamo", ha detto il presidente ucraino, chiedendo agli europei di "provare che siete con l'Ucraina".

La Cnn ha riferito che la Casa Bianca ha escluso un no fly zone in Ucraina perché richiederebbe l'uso della forza militare Usa per farla rispettare.

L'Ucraina ha affermato di aver annientato un gruppo d'élite di combattenti ceceni che stavano complottando per assassinare il presidente Volodymyr Zelensky. Oleksiy Danilov, segretario del Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa dell'Ucraina, ha dichiarato oggi durante un discorso televisivo che l'unità "che è venuta per uccidere il nostro presidente, è stata eliminata", riferisce online il quotidiano britannico Daily Mail. 

Se l'obiettivo dichiarato di Mosca continua ad essere 'Smilitarizzare' e 'de-nazificare' l'Ucraina, proteggere la Russia dalla 'minaccia militare' dei paesi occidentali e quindi proseguire l'offensiva fino al raggiungimento di "tutti gli obiettivi", la Tass annuncia per oggi il secondo round di colloqui alla frontiera con la Bielorussia sulle rive del Pripyat. Anche se il Cremlino chiarisce che è presto per una loro valutazione. L'attacco a Khariv fa dire al presidente Zelensky che questa è l'azione di 'uno stato terrorista', che nessuno perdonerà né dimenticherà.

"Sapevamo ci sarebbe stato un prezzo da pagare, ma la tragedia che stiamo vivendo è immane", ha aggiunto. Poi ha accusato Putin di parlare di target militari ma continuare ad uccidere i bambini. E il presidente del Consiglio Ue Charles Michel riflette che l'Ue dovrà essere all'altezza del momento: l'allargamento è un tema difficile perché ci sono opinioni diverse, ma la domanda di Kiev è legittima. E Ursula von der Leyen parla di 'momento della verità' per l'Europa, perché è in corso uno scontro tra democrazia e autocrazia. Sul campo, invece, un nuovo allarme arriva da un tweet del Parlamento ucraino, secondo cui unità militari bielorusse avrebbero varcato il confine entrando nella regione di Chernihiv. La Bielorussia, scrive il Daily Beast, è già stata utilizzata come base dai russi, ma se la notizia fosse confermata, significherebbe che la nazione è diventata il terzo partecipante diretto alla guerra.

Intanto, in un videomessaggio alla conferenza sul disarmo di Ginevra, il ministro degli Esteri russo Lavrov accusa Kiev di cospirare per sviluppare il suo arsenale atomico, con una minaccia alla sicurezza internazionale. Secondo Lavrov, boicottato dalle delegazioni, è "inaccettabile per la Russia che alcuni Paesi europei ospitino armi nucleari degli Stati Uniti. E' il momento di rimandarle a casa". E mentre sul fronte sanzioni l'Europa ne impone oggi una senza precedenti, spiega il commissario per il Mercato interno Thierry Breton, con "l'interdizione di Russia Today e Sputnik sul mercato dell'Ue su tutti i media"; il premier britannico Johnson promette che l'Occidente è pronto a intensificarle "finché sarà necessario". Londra ipotizza anche lo 'sfratto' della Russia dal consiglio di sicurezza dell'Onu.

In Italia, dove secondo una valutazione sono attesi 800-900 mila profughi, nella sua informativa alle Camere il presidente del consiglio Mario Draghi ribadisce la solidarietà del paese all' Ucraina, attacca 'il disegno revanscista' di Putin e il ricatto nucleare e sottolinea la necessità di una reazione rapida, ferma, unitaria. Perché di fronte ad un'aggressione che ci riporta indietro di oltre 80 anni l'Italia non intende voltarsi dall'altra parte.

Il premier spiega anche che si è risposto a Kiev perché occorre che un governo democraticamente eletto sia in grado di resistere all'invasione. Ed ora si deve procedere spediti nel cammino della Difesa comune europea, complementare alla Nato. Il governo è inoltre al lavoro per mitigare l'impatto di eventuali problemi alle forniture energetiche, spiega Draghi. Al momento non ci sono segnali di un'interruzione del gas. L'Italia importa circa il 95% del gas che consuma e oltre il 40% proviene dalla Russia. Nel breve termine, anche una completa interruzione non dovrebbe dare problemi. Ci sono ancora 2,5 miliardi di metri cubi di gas negli stoccaggi. Ma per diversificare si deve andare avanti con le rinnovabili, la capacità di rigassificazione e un possibile raddoppio del gasdotto Tap. E per lo stoccaggio del gas occorre un approccio comune della Ue.

L'Ucraina è pronta a rafforzare la comunicazione con la Cina e "aspetta con impazienza una mediazione della parte cinese per realizzare il cessate il fuoco". E' quanto ha detto il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba alla controparte cinese Wang Yi nel corso della loro telefonata, nel resoconto dato da Pecino. Kuleba ha introdotto la situazione del primo round dei negoziati ucraino-russi, affermando che "porre fine alla guerra è la massima priorità della parte ucraina" che è "aperta a negoziare una soluzione" con "positività e sincerità". Malgrado gli intoppi, la parte ucraina "rimane calma ed è disposta a continuare i negoziati".

Agenzia ANSA
Il premier in Aula sugli sviluppi del conflitto tra Russia e Ucraina (ANSA)
Agenzia ANSA
L'analisi di Stefano Polli (ANSA)

   

Simili scatti
Scatti più popolari di questa settimana